Written by  Chiara Brandi

La danza inclusiva sul palco di Expression

L’edizione 2019 dell’Expression International Dance Competition sarà ricordata anche per essere stata la prima ad aver ospitato la ‘Categoria Danza Inclusiva (diversamente abili)’. Un’iniziativa speciale che l’organizzazione del Concorso ha ideato per permettere a chiunque, compresi i ballerini con difficoltà fisiche e/o mentali, di potersi esibire su uno dei palchi più importanti a livello internazionale.

Il successo - neanche a dirlo - è stato eccezionale: tante le scuole che hanno risposto alla chiamata di IDA, portando in gara coreografie con un grado di tecnica inaspettata, e tantissimi gli spettatori del Padiglione Basilica che hanno accolto con entusiasmo le diverse performance. La rassegna, che ha toccato il cuore di tutti gli spettatori, ha visto alternarsi sul palco danzatori diversamente abili che si sono esibiti da soli o inseriti all’interno di gruppi.

Giudice speciale per la categoria è stata Elena Travaini, ballerina professionista ipovedente dalla tenera età e ideatrice insieme a Anthony Carollo del progetto Blindly Dancing.

Sinceramente devo ammettere di essere stata positivamente sorpresa dalla bravura dei ragazzi e dal livello dei lavori presentati”, ha dichiarato Elena. “Come professionista diversamente abile mi rendo perfettamente conto delle enormi difficoltà affrontate da un ballerino con disabilità in una situazione di questo genere. Per ottenere lo stesso risultato di un qualsiasi altro compagno, infatti, ad un ballerino diversamente abile è richiesto uno sforzo ben maggiore in termini di apprendimento del movimento; un impasse critico, che ha inevitabili ripercussioni sotto il profilo psicologico dell’allievo. Inoltre, la comprensiva emozione che ogni partecipante alla gara prova viene amplificata dalla consapevolezza di doversi mettere in gioco nonostante i propri handicap e avere i fari letteralmente puntati su questi. Per questo motivo - continua la giudice - un plauso speciale va e alle insegnanti per il lungo lavoro svolto, perché so bene che è non è facile riuscire a portare in scena coreografie di danza inclusiva di tale livello tecnico, per tanti motivi differenti, oggettivi e soggettivi”.

La soddisfazione di Elena Travaini è tangibile: “La mia speranza è che tale iniziativa cresca sempre di più e porti un numero sempre maggiori di ballerini di danza inclusiva al Concorso di Firenze. Il mio personale desiderio - conclude Elena - è di essere presente come giudice anche alla prossima edizione, perché per me è stata un’esperienza davvero stupenda, che mi ha regalato l’opportunità di conoscere persone uniche, con alcune delle quali ci siamo perfino mantenute in contatto”.

danza inclusiva concorso expression

Read 70 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

INFORMAZIONI SUL CONCORSO

IDA International Dance Association
via Paolo Costa 2, 48121 Ravenna (RA)
Tel. +39 0544 34124
fax +39 0544 34752
danza@idadance.com

 


INFORMAZIONI SULLA FIERA

DIF logo 2020 bianco

www.danzainfiera.it
Tel +39 0574 575618
info@danzainfiera.it

PRENOTAZIONI ALBERGHIERE

Tel +39 055 211528
hotels@danzainfiera.it

 


#expressionIDA2020

 

 

SEDE DEL CONCORSO

Firenze, Viale Filippo Strozzi
Fortezza da Basso
(PADIGLIONI “Nazioni” e ”Basilica”)
c/o Danzainfiera


PARTNER

 

loghi-ASI

In collaborazione con A.S.I. Ente di promozione sportiva legalmente riconosciuto da C.O.N.I. e Ministero dell’Interno e aderente al Sistema di Qualifica SNaQ.

Partecipare al concorso internazionale di danza “Expression”, contribuisce al raggiungimento degli scopi statutari – la promozione della danza – per le scuole costituite come Asd - Associazioni sportive dilettantistiche.


Servizio fotografico a cura di DS Photo:
www.dsphoto.it

 

CONTATTI

IDA International Dance Association
Via Paolo Costa 2, 48121 Ravenna (RA)

E-mail : danza@idadance.com

Tel: 0544/34124

Fax: 0544/34752


CONTACT